MENU
Q

Questo post è stato curato da Federica Cosentino, Nature Wedding Planner.

Nell’antichità la cerimonia del matrimonio serviva come contratto ed era il modo con cui la coppia si faceva riconoscere come tale da chi faceva parte della comunità. Il suo scopo oggi è esattamente lo stesso.
Il matrimonio simbolico non ha un rito fisso. Si basa sulla sacralità di una promessa che ripercorre la vostra storia, fatta di ricordi e simboli importanti per voi. È per questo motivo che è diverso per ogni coppia.

La cerimonia simbolica non appartiene a nessuna religione, non ha valore legale (dovrete recarvi in comune a firmare se volete che lo abbia) ma è ricca di significato per le due persone che decidono di legarsi per la vita.

Questa cerimonia dona una grande flessibilità: nella scelta del luogo, negli allestimenti ma soprattutto nel contenuto, che può includere le idee, i valori e la spiritualità degli sposi, se lo desiderano.
La cerimonia simbolica è entrata nei matrimoni italiani da poco tempo, soprattutto a causa della tradizione cristiana del nostro paese. Senza contare che molte persone pensano che coloro che non sono religiosi non abbiano una propria spiritualità o dei propri valori. Naturalmente questo è sbagliato, non essere religiosi non significa non avere una propria spiritualità, né tanto meno non avere valori ed ideali.

Eppure ancora oggi sento dire che un matrimonio simbolico non ha la stessa importanza di uno cristiano. Quasi come se il matrimonio con cerimonia simbolica fosse un matrimonio di serie B e non la celebrazione dell’amore di due persone che decidono di legare le proprie vite.

Io non ci sto e spero neanche tu.

Come ti dicevo, questa è la cerimonia perfetta per mettere tutti sé stessi all’interno del proprio matrimonio: la propria spiritualità, le proprie convinzioni, il proprio modo di vedere il mondo e la condivisione con gli altri, ma soprattutto il proprio modo di amare, che non è uguale per tutti ed è bello che nel giorno in cui questo amore viene celebrato sia presente ed espresso.

fotografo matrimonio Tassara

 

UNA CERIMONIA SOLO VOSTRA

Non esisterà mai un’altra cerimonia, di un’altra
coppia, che sia uguale alla vostra. Così come non esistono altre due persone identiche a voi. Questo lo trovo bellissimo ed è ciò che renderà emozionante, bello e unico il vostro matrimonio.

IN UN LUOGO CHE VI E’ CARO

La chiesa potrà anche essere una struttura bellissima, ma vogliamo mettere un bosco ceduo in autunno con le montagne già innevate come sfondo? Potrete scegliere il luogo dove siete andati in campeggio la prima volta, oppure la spiaggia dove vi siete dati il primo bacio. Un luogo che vi sia caro e se trasmette qualcosa a voi, vedrete che lo trasmetterà anche ai vostri ospiti!

CON LE PERSONE CHE AMATE

Un matrimonio si fonda su due cose: amore e condivisione. Perché invitare le persone che più amate, se non per condividere con loro il vostro amore? Credo che condividere sia fondamentale e le persone che amate saranno felici se lo farete: se condividerete la vostra storia, le vostre emozioni ed il vostro amore. Una cerimonia che si basa su questo concetto renderà partecipi gli invitati, felici di essere lì con voi e desiderosi di capire questo vostro rito!

fotografo matrimonio Tassara

I PREGIUDIZI SULLA CERIMONIA SIMBOLICA:

 

LA CERIMONIA SIMBOLICA È FINTA

È solo nel 1929 che sono stati sanciti i Patti Lateranensi, che viene data validità civile al matrimonio cattolico.
Prima di allora si facevano due cerimonie, una in comune, con valore legale, ed una in chiesa. Il matrimonio cristiano non aveva alcun valore legale senza aver celebrato anche quello civile.
Anche adesso, se non si firmano i documenti validi civilmente, esso continua a non avere valore legale (si chiama matrimonio segreto, per cui servono dei permessi, ma è ancora oggi esistente).
Ora, come nell’antichità, quindi, la religione si insinua nella celebrazione solo per quanto riguarda il rituale, ma non nella legittimità, che è data dalla firma dei due sposi davanti a dei testimoni.
L’unico matrimonio valido legalmente è, quindi, quello civile, qualsiasi altro rito, non ha valore legale.

LA CERIMONIA SIMBOLICA È FREDDA

La cerimonia simbolica è creata dagli sposi, è spesso la narrazione della loro storia, mette a nudo le loro anime l’una davanti all’altra. Non c’è niente di meno freddo.

LA CERIMONIA SIMBOLICA NON HA NULLA DI SPIRITUALE

Si confonde qui la religione con la spiritualità. Non essere religiosi non significa non avere una propria spiritualità. Religione e spiritualità non hanno nulla a che vedere l’una con l’altra.
Quindi, non sposarsi in chiesa non significa non poter avere una cerimonia ad alto livello spirituale se lo si desidera.
La cerimonia simbolica è data dall’utilizzo di un simbolo che rappresenti il matrimonio.
Per questo qualsiasi cerimonia è simbolica, basta pensare alle fedi, che simboleggiano l’unione eterna.

Federica Cosentino

Sei interessato al matrimonio simbolico?

Federica Cosentino è una Nature Wedding Planner.

Puoi scoprire molto di più sul matrimonio simbolico sul suo sito, scaricando il suo ebook o dando uno sguardo ai suoi servizi.

CLOSE MENU